spaghetti

Giandomenico Belotti

Simbolo nella storia del design, spaghetti chair è la prima delle sedie Alias entrate nella collezione del MoMA di New York. La struttura è in acciaio verniciato o cromato; le sedute e gli schienali sono prodotti nella caratteristica tessitura in tondino di pvc, discreti nella versione trasparente e più decisi nelle diverse tinte. E ancora, in varianti come il cuoio e la speciale paglia della serie paludis, che suggeriscono inaspettate esperienze tattili e visive.

alias_sedie_spaghetti_famiglia_preview
alias_spaghetti_gallery_2 alias_spaghetti_gallery_1 alias_spaghetti_gallery_5 alias_spaghetti_gallery_4 alias_spaghetti_gallery_3
Concept
La storia di Alias si inaugura nel 1979 con “spaghetti chair” di Giandomenico Belotti, seduta icona, prima fra le creazioni Alias ad entrare nella collezione del MoMA di New York. Nata dall’evoluzione del concept della spaghetti, paludis accosta la minimale struttura in metallo, verniciata o cromata, al particolare materiale scelto per la tessitura di seduta e schienale: una speciale “paglia” di carta riciclata intrecciata, in un’ampia cartella di colori.
Finiture spaghetti
Nota: tonalità diverse ed eventuali difformità di colore sono dovute all’utilizzo di materiali naturali.
  • ACCIAIO CROMATO
  • ACCIAIO VERNICIATO
  • PVC
alias newsletter
© Alias S.p.a. - Via delle Marine 5, 24064 Grumello del Monte, Italy P. IVA 02176720163
Share this!